home biologia xenobiotici e mutagenesi

By: Loretta Sebastiani
   

Xenobiotici e mutagenesi

Nella maggior parte dei siti in Internet e nei libri gli xenobiotici sono definiti come sostanze estranee ad un sistema biologico. Ma cosa vuol dire? molto semplicemente che si tratta di sostanze aliene al comune nutrimento e metabolismo di un organismo.
Ad esempio la tossina botulinica non è certamente una sostanza xenobiotica per il batterio che la produce ma lo è sicuramente per il malcapitato che si inbatte in essa mangiando un fungo sottolio mal preparato o mal conservato.
Quindi gli xenobiotici raggruppano sia molecole naturali quanto prodotti di sintesi nei laboratori.
Il loro elenco è lungo e gli effeti sugli organismi molteplici. Infatti possono essere tossici ma anche genotossici. E i danni al DNA aprono la strada a diverse anomalie: dall'aborto spontaneo all'infertilità, dalle forme di cancro alle malattie genetiche.
Vediamone l'azione sulla doppia elica ma anche i meccanismi di riparazione che, ad una media altissima, ogni giorno intervengono per rimediare a ciò che i mutageni chimici ma anche fisici provocano.
Leggete con attenzione la presentazione che segue se volete saperne di più.

La DNA ligasi al lavoro sul doppio filamento di DNA
Fig. 1 - Meccanismo di riparazione del DNA
Fig. 1 - Meccanismo di riparazione del DNA
By Tom Ellenberger, Washington University School of Medicine in St. Louis. (Biomedical Beat, Cool Image Gallery) [Public domain], via Wikimedia Commons