home biologia biomonitoraggio

By: Loretta Sebastiani
   

Biomonitoraggio

Le attività antropiche, ormai lo si sa molto bene, hanno un impatto sull'ambiente e sull'uomo. Diventa importante quindi tenere sotto controllo in modo costante le variazioni che si registrano in aria, acqua e suolo in seguito alla presenza e diffusione delle sostanze inquinanti.
A questo scopo possono essere utilizzati organismi microscopici come i batteri luminescenti o le alghe unicellulari.
Oppure le piante. I licheni si sono dimostrati particolarmente efficaci perché sono ottimi bioindicatori ma anche bioaccumulatori.
Ci sono anche animali che si prestano bene a questo scopo. Le api sono sensibilissime a pesticidi, metalli pesanti e persino radionucldi. La presentazione che segue entra nel dettaglio di questo argomento, accennando anche ai test di tossicità.

Scarica il PDF della presentazione
Daphnia magna, utilizzata in uno dei test per misurare la tossicità dei composti chimici
Fig.1 Daphnia magna
Fig. 1 Daphnia magna
Photo by Per Harald Olsen/NTNU